IFRS 2

Riguardo all’IFRS 2

Il principio dell’IFRS 2 è che un’entità debba segnalare ogni spesa per beni o servizi con accredito riconosciuto come passività.

L’IFRS 2 è uno dei più impegnativi fra gli standard contabili, dal momento che pone problemi di valutazione complessi.

Questo standard fu introdotto nel febbraio 2004 e prescrive di valutare e segnalare tutti i premi basati su azioni.

L’IFRS2 si applica alle transazioni fra dipendenti e terze parti, siano esse regolate in contanti o in strumenti di capitale.

Tale standard richiede che le entità segnalino tutti i premi basati su azioni basandosi sul valore equo o fair value relativo al momento in cui i beni o i servizi sono stati erogati, informazione determinata dalla data dell’assegnazione, per quanto riguarda i pagamenti basati su azioni per i dipendenti.

Dal momento che i premi e i pagamenti basati su azioni sono diventati sempre più frequenti nella compensazione per dipendenti e dirigenti, gli organismi di normazione hanno ritenuto che i premi basati su azioni dovessero essere considerati come parte integrante del pacchetto di compensazione totale.

Come tali, si è concluso che un’entità debba segnalare una spesa sostenuta per pagamenti basati su azione, esattamente come si procede per la compensazione in contanti.

Grazie al modello utilizzato nell’IFRS2 basato sulla data dell’assegnazione, l’entità deve calcolare il valore equo di un premio basato su azioni emesso a nome di un dipendente a quella data specifica.

L’entità non può rideterminare il valore equo in seguito, indipendentemente da eventuali apprezzamenti o decadenza, a meno che non siano apportate modifiche al premio stesso. In conseguenza di ciò, un’entità può dover sostenere delle spese anche in caso di assenza di valore per il dipendente.

Questo approccio conservativo è decisamente preferibile e aderente alla normativa, rispetto alla situazione precedente all’introduzione dello standard, in cui non si poteva segnalare alcuna spesa relativa a premi con un valore per il dipendente.

Il pacchetto per l’Informativa IFRS 2

  • IFRS 2 Valutazione a livello di tranche

    Il nostro modello di Black-Scholes-Merton valuta tutte le concessioni e i premi azionari a livello di tranche, in modo che le valutazioni possano essere impostate per soddisfare perfettamente i requisiti IFRS2 posti dai nostri clienti.

  • IFRS 2 Rendicontazione Informativa

    Accesso a tutte le vostre complesse informative per presentazione trimestrale o a fine d’anno grazie alle nostre voci di rendicontazione informativa.

  • IFRS 2 Rendicontazione Valore equo

    Generate i nostri rapporti sul valore equo nei più svariati formati.

    Disponiamo di un sistema di rendicontazione completo per qualsiasi input secondo il modello Black-Scholes, come anche per generare rapporti sul valore equo processato e non processato.

  • IFRS 2 Rapporti imposte differite

    Calcolate l’attività fiscale differita basata sugli importi per cui sono previste detrazioni; Ricalcolate l’attività fiscale differita basata sui prezzi delle azioni (valore intrinseco) alla data del rapporto; Quando il valore intrinseco alla compensazione è minore del valore equo dalla data di assegnazione, si riconoscono benefici fiscali cumulativi basandosi sul valore intrinseco.

  • IFRS 2 Pagamento delle spese

    La nostra rendicontazione sui pagamenti delle spese vi permette di generare rapporti sui pagamenti delle spese per entità, per società sussidiaria, per reparto, sezione e tanti altri parametri partecipante.

    Ottenete i dettagli sui pagamenti delle spese nei formati di vostra preferenza grazie alla nostra rendicontazione spese con la possibilità di applicare fattori di prestazione ove richiesto e un registro di controllo completo che include le valutazioni originali.

  • IFRS 2 Utile equo per azione

    Assicuratevi che le vostre entità possano divulgare gli utili per azione calcolandoli e divulgandoli nel rispetto degli standard ISFRS.

    L’ampia gamma di rapporti per EPS e comuni equivalenti faciliterà questo compito.

Differenze nel trattamento di diritti di opzione compensativi nell’IFRS 2 rispetto all’ASC 718

Le differenze riguardano gli utili dichiarati di una società, l’effettiva aliquota d’imposta e i flussi di cassa, quando si adotta l’IFRS. Come per l’ASC 718, l’IFRS richiede alle società di registrare una spesa per premi assegnati ai dipendenti sotto forma di diritti di opzione in base al valore equo del diritto di opzione alla data dell’assegnazione.

I benefici fiscali dichiarati in conformità all’IFRS, tuttavia, sono basati su stime di deduzioni fiscali future alla data di rendicontazione. Nella maggior parte delle giurisdizioni, le deduzioni fiscali sono basate sul “valore intrinseco” del diritto di opzione al momento dell’esercizio, ad esempio il valore dell’opzione in eccesso rispetto al prezzo di esercizio dell’opzione.

In conseguenza di ciò, per i diritti di opzione assegnati con un prezzo di esercizio che è pari (o superiore) al valore equo di mercato dell’azione, non viene riconosciuta alcuna attività fiscale differita in base all’IFRS al momento dell’assegnazione, dal momento che non vi sono deduzioni fiscali inerenti al momento dell’assegnazione del premio.

I benefici fiscali sono registrati solo se, e solo nella misura in cui, il prezzo dell’azione cresce.

In genere, questo seguirà, spesso dopo un periodo di tempo considerevole, l’esborso totale registrato.

    • Servizi e assistenza

      Avere accesso al nostro software per automatizzare i vostri rapporti è già tanto, ma Global Shares può fare anche di più quando si tratta di presentare rapporti finanziari impeccabili. Il nostro team di specialisti vi aiuterà a implementare i vostri dati storici, guidandovi e fornendovi soluzioni su come sfruttare al meglio il software in futuro.

      Continua a leggere

    • Date un’occhiata al nostro software per la rendicontazione IFRS 2 in azione. Richiedete un breve demo.

    • Richiesta demo