Skip to content

Il mondo ha bisogno di più aziende di proprietà dei dipendenti

azionariato-diffuso-dei-dipendenti

Man mano che il mondo cresce e le aziende si espandono oltre molti confini, l'economia mondiale sta cambiando. Molte aziende sono divenute sempre più grandi e vi è stata una crescita corrispondente del divario di ricchezza all’interno di un’azienda. Non solo, ma queste aziende possono essere più sensibili alla recessione economica e il fallimento di una società può comportare il fallimento di gran parte di un intero settore.

Non faremo finta di conoscere tutte le risposte per questa questione incredibilmente complessa, ma abbiamo una risposta. Ed è una buona risposta. Con un'unica soluzione, disponiamo di un modo efficace e collaudato per ridurre il divario di ricchezza all’interno dell’azienda e rendere le aziende che utilizzano questa soluzione più resilienti durante le crisi economiche.

Si chiama azionariato diffuso dei dipendenti.

 

Che cos'è l’azionariato diffuso dei dipendenti?

Ciò che significa, in sostanza, è che i dipendenti hanno l'opportunità di possedere azioni nella loro società attraverso piani azionari o altri schemi di incentivazione azionaria Questo dà loro diritti come azionisti, e dà loro anche la possibilità di guadagnare più soldi in aggiunta ai loro stipendi base. E la parte migliore: garantisce che siano maggiormente coinvolti nella vita dell’azienda, più allineati con gli obiettivi aziendali e incentiva il miglioramento della loro performance.

Ci sono due ragioni alla base di questo. Primo: i dipendenti sono finanziariamente coinvolti nel futuro finanziario dell'azienda. Migliore è la performance dell'azienda, più valgono le azioni e migliora il loro investimento. Maggiore è la performance dell'azienda, più le azioni valgono e migliore diventa il loro investimento. Secondo: la maggior parte dei piani azionari dilata l'emissione di azioni in un periodo di tempo. Quindi, il dipendente ha un incentivo a rimanere con l'azienda più a lungo: più a lungo rimangono, più azioni ricevono.

Mescolando questi due incentivi insieme — un motivo per lavorare più duramente e un motivo per rimanere più a lungo— si può capire perché offrono alle aziende un grande vantaggio.

 

Qual è il futuro dell’azionariato diffuso dei dipendenti?

Secondo un articolo della Harvard Business Review (HBR) del 2018, circa 17 milioni di persone nella forza lavoro statunitense (12% del totale) sono impiegate in diverse realtà aziendali di cui i dipendenti sono proprietari.

Ma l'articolo cita un numero ancora più interessante: 2,3 milioni. Questo è il numero di aziende i cui proprietari si stanno avvicinando all'età pensionabile. Il che significa che, molto presto, i loro quasi 25 milioni di dipendenti potrebbero avere una grande opportunità. E se tutti questi proprietari trasformassero il futuro delle loro aziende, e dei loro dipendenti, passando all’azionariato diffuso dei dipendenti? Oppure, cosa succederebbe se le imprese europee facessero lo stesso?

Le aziende europee hanno sempre seguito le loro controparti americane in termini di offerta di azionariato per i dipendenti. Tuttavia, alcuni recenti sviluppi in tutto il continente hanno visto molti paesi allentare le restrizioni alla partecipazione azionaria. In Irlanda, l'ultimo bilancio preventivo (2020) ha assicurato che un maggior numero di imprese e lavoratori irlandesi sarebbero stati in grado di trarre vantaggio dai numerosi benefici derivanti dall’azionariato diffuso.

Il più grande impatto potrebbe derivare dall'attuale pandemia globale. Naturalmente, è impossibile dire come il mondo sarà influenzato e come si riprenderà. Ma è difficile pensare che l’azionariato diffuso dei dipendenti non sarà una parte importante del recupero.

L’azionariato diffuso dei dipendenti consentirà alle aziende di offrire modi di incentivare i propri dipendenti in maniera efficiente sia dal punto di vista fiscale che dal punto di vista dei flussi di cassa. Si consentirà inoltre ai proprietari di garantire che le loro imprese siano in grado di resistere a qualsiasi ulteriore recessione economica. Ma c'è qualcos'altro: si attingerà al nuovo cambiamento globale nel pensiero.

Anche prima di questa pandemia, l'articolo HBR ha osservato che molti proprietari erano interessati all’azionariato diffuso dei dipendenti, per due motivi. In primo luogo, "garantire la redditività economica delle comunità locali". Quando un'azienda è di proprietà di un dipendente, ne beneficia ancor più direttamente la comunità si trova l’azienda, in quanto i dipendenti sono molto più propensi a vivere nello stesso luogo, rispetto ai proprietari. In secondo luogo, l’articolo spiega che c'è molto più finanziamento disponibile per effettuare questo cambio, in quanto i fondi di investimento hanno già previsto i benefici dell’azionariato diffuso.

Come afferma l'articolo, "I fondi per l'impatto sociale vogliono sostenerlo per ragioni sociali, mentre gli hedge fund e altri stanno riconoscendo che la resistenza e le prestazioni superiori delle imprese di proprietà dei lavoratori possono migliorare i loro rendimenti".

Entrambe le situazioni saranno mantenute o anzi amplificate dopo che la situazione attuale passerà. E potrebbero anche esserlo di più. Quello che abbiamo visto finora è un mondo più connesso, più socialmente consapevole, più orientato al supporto locale. E l’azionariato diffuso dei dipendenti può supportare questo cambio e molti altri.

Contattateci per una demo

Se volete scoprire di più su come l'azionariato diffuso dei dipendenti può trasformare il futuro della vostra azienda. Contattate Global Shares per una demo gratuita. Abbiamo 14 anni di esperienza nel far sì che le aziende possano esprimersi al meglio.

Importante: questa pubblicazione contiene solo informazioni di carattere generale; attraverso questo articolo, Global Shares non fornisce alcuna consulenza, sia essa legale, finanziaria, fiscale, aziendale, professionale o di altra natura. La Global Shares Academy non sostituisce una consulenza professionale e non deve essere utilizzata come tale. Global Shares non si assume alcuna responsabilità per l'affidamento che l'utente faccia sulle informazioni qui fornite.

Condividi questo articolo:

Leggi i nostri ultimi post

Scelti per voi

Food for Thought

Sign up to receive bite sized brainfood on a range of topics that will help your business grow.